Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25097 - pubb. 07/04/2021

Il cram down di cui all’art. 180 l.f. non si applica al voto contrario dell’erario

Tribunale Bari, 18 Gennaio 2021. Pres. Simone. Est. Cesaroni.


Concordato preventivo – Adunanza dei creditori – Art. 180 l.f. come modificato dall’art. 3 della l. 159/2020 – Natura processuale della norma – Immediata applicabilità

Concordato preventivo – Adunanza dei creditori e voto – Art. 180 come modificato dall’art. 3 della l. 159/2020 – Natura processuale della norma – Inapplicabilità in caso di voto espresso



La disposizione di cui all’art. 180 l.f. come modificato dall’art. 3 della legge 159/2020 secondo cui«il tribunale omologa il concordato preventivo anche in mancanza di voto da parte dell'amministrazione finanziaria o degli enti gestori di forme di previdenza o assistenza obbligatorie quando l'adesione e' determinante ai fini del raggiungimento delle maggioranze di cui all'articolo 177 e quando, anche sulla base delle risultanze della relazione del professionista di cui all'articolo 161, terzo comma, la proposta di soddisfacimento della predetta amministrazione o degli enti gestori di forme di previdenza o assistenza obbligatorie e' conveniente rispetto all'alternativa liquidatoria» è norma a carattere processuale e in mancanza di disciplina transitoria è applicabile anche ai procedimenti in corso, in forza del principio tempus regit actum.

La disposizione di cui all’art. 180 l.f. come novellato dall’art. 3 della legge 159/2020 è applicabile al solo caso in cui l’Amministrazione finanziaria sia rimasta silente, non acclarando la propria espressione di voto; pertanto, la medesima disciplina non potrà applicarsi tutte le volte in cui la medesima Amministrazione abbia espressamente manifestato dissenso rispetto alla proposta. (Giuseppe Caramia) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione dell’Avv. Giuseppe Caramia



Il testo integrale