Il Condominio


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24583 - pubb. 02/12/2020

Condominio e alterazione del decoro architettonico

Cassazione civile, sez. II, 11 Settembre 2020, n. 18928. Pres. D'Ascola. Est. Varrone.


Alterazione del decoro architettonico - Nozione - Alterazione delle linee architettoniche - Necessità - Esclusione - Pregiudizio all'ornato - Sufficienza - Apprezzamento relativo rimesso al giudice di merito - Insindacabilità in sede di legittimità - Limiti



Costituisce innovazione lesiva del decoro architettonico del fabbricato condominiale, come tale vietata, non solo quella che ne alteri le linee architettoniche, ma anche quella che comunque si rifletta negativamente sull'aspetto armonico di esso, a prescindere dal pregio estetico che possa avere l'edificio. La relativa valutazione spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità, ove non presenti vizi di motivazione. (massima ufficiale)


Il testo integrale