Crisi d'Impresa e Fallimento


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 24428 - pubb. 28/10/2020

Sovraindebitamento: convenienza economica e ambito dell’attestazione

Tribunale Rimini, 11 Ottobre 2020. Est. Silvia Rossi.


Sovraindebitamento – Accordo di composizione della crisi – Giudizio del giudice in sede di omologa – Ambito oggettivo – Convenienza economica – Esclusione – Condizioni

Sovraindebitamento – Accordo di composizione della crisi – Attestazione del Gestore della Crisi – Oggetto



Non essendo stata proposta alcuna opposizione da parte dei creditori concorsuali, la valutazione cui il giudice delegato è chiamato non può riguardare la convenienza della proposta di soddisfacimento rispetto all’ipotesi alternativa della liquidazione concorsuale del patrimonio del debitore, poiché il relativo giudizio è riservato ai creditori concorsuali; il giudice è pertanto chiamato a valutare, in questa sede, esclusivamente la legittimità del procedimento, anche dal punto di vista della logicità, completezza e coerenza della relazione attestativa del professionista OCC, nonché la fattibilità del piano sottostante alla proposta di accordo.

L’ambito dell’attestazione cui è tenuto il gestore della crisi riguarda esclusivamente  l’esistenza e consistenza dei beni sui quali si impernia il piano sottostante agli accordi, nonchè l’attuabilità degli accordi stessi, intesa come adeguatezza dei beni e risorse a consentire il rispetto degli accordi. (Astorre Mancini) (riproduzione riservata)


Segnalazione dell'Avv. Astorre Mancini, Studio Legale Tentoni, Mancini & Associati di Rimini

mancini@studiotmr.it  
  

Il testo integrale