CAPO II
Procedimenti di composizione della crisi da sovraindebitamento e di liquidazione del patrimonio
SEZIONE SECONDA
Liquidazione del patrimonio

Art. 14-sexies

Inventario ed elenco dei creditori
TESTO A FRONTE

1. Il liquidatore, verificato l'elenco dei creditori e l'attendibilita' della documentazione di cui all'articolo 9, commi 2 e 3, forma l'inventario dei beni da liquidare e comunica ai creditori e ai titolari dei diritti reali e personali, mobiliari e immobiliari, su immobili o cose mobili in possesso o nella disponibilita' del debitore:

a) che possono partecipare alla liquidazione, depositando o trasmettendo, anche a mezzo di posta elettronica certificata e purche' vi sia prova della ricezione, la domanda di partecipazione che abbia il contenuto previsto dall'articolo 14-septies, con l'avvertimento che in mancanza delle indicazioni di cui alla lettera e) del predetto articolo, le successive comunicazioni sono eseguite esclusivamente mediante deposito in cancelleria;

b) la data entro cui vanno presentate le domande;

c) la data entro cui sara' comunicata al debitore e ai creditori lo stato passivo e ogni altra utile informazione.



________________

(1) Articolo introdotto dall'art. 18 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito in legge dalla l. 17 dicembre 2012, n. 221. La nuova disposizione si applica dal 18 gennaio 2013.

GIURISPRUDENZA

Sovraindebitamento – Liquidazione del Patrimonio – Insinuazione tardiva del credito – Inammissibilità.
L'accertamento del passivo nella liquidazione del patrimonio è stato ricostruito secondo una procedura propria e autonoma che non prevede espressamente le domande tardive, tenuto conto infatti che nella l. 3/2012 manca la previsione di un termine entro il quale le domande di insinuazione tardive possano essere fatte valere né è menzionata l’esistenza di creditori tardivi.

La ratio sottesa alla scelta legislativa potrebbe ben essere rivenuta nell’autonomia concessa al liquidatore quale organo deputato a fissare il termine per la presentazione delle domande di partecipazione alla liquidazione, nonché di rivendicazione e di restituzione; tale discrezionalità consente al liquidatore di indicare il termine per la presentazione delle domande anche in considerazione delle esigenze della singola procedura, per cui la valutazione ex ante del termine da parte del liquidatore è da ritenere vincolante per i creditori che vogliano insinuarsi al passivo della Liquidazione. Peraltro, la lacunosità della l.3/2012 non consenta nella specie di procedere all’applicazione analogica della normativa fallimentare in assenza dei presupposti di legge. (Astorre Mancini) (riproduzione riservata)
Tribunale Ancona, 14 Novembre 2019.